• Facebook
  • Twitter
  • email
  • OkNotizie
Condividi

Io Sostengo GeaPress

banner_sostengo250x250Se ritieni che GeaPress stia facendo un lavoro utile, diffondendo notizie riguardanti il mondo animale e che rappresentano uno spaccato della nostra realtà che è importante far conoscere, puoi dare una mano concretamente diventando nostro SOSTENITORE. Basta un versamento minimo di 20 euro, una cifra molto piccola ma che consente di sostenere la nostra attività.

PER SOSTENERE GEAPRESS CLICCA QUI

RICORDATI DI INSERIRE LA CAUSALE “SOSTENITORE GEAPRESS” E DI COMUNICARCI LA TUA EMAIL A info@geapress.org 

Diventando Sostenitore potrai utilizzare una mail dedicata messa a disposizione di chi, come te, vorrà sostenere la nostra attività.

E poi, in pochi anni, abbiamo aiutato tanti Rifugi di cani abbandonati, da Mirabello Sannitico (CB) a Lo Scodinzolo di Palermo ed ospitato diverse centinaia di appelli provenienti da tutte le associazioni, piccole e grandi. Dai cani del sequestro del canile convenzionato di Trani, aiutando la Lega Difesa del Cane e l’UGDA, alle richieste di aiuto di associazioni forse meno conosciute ma altrettanto importanti che operano in ambito locali. Tra queste, ricordiamo Legalo al Cuore Onlus di Acquaviva delle Fonti (BA) ed Anima Randagia (CZ) con i tanti cagnolini salvati dalla strada e dai maltrattamenti. Ma come loro ve ne sono veramente tanti, sparsi un po’ in tutta Italia.

Siamo stati sempre attenti alle attività antibracconaggio per le quali (verrebbe da dire purtroppo) c’è molto bisogno in Italia. Abbiamo dato spazio a parecchie iniziative, dalla provincia di Brescia fino a quella di Reggio Calabria. Siamo stati ringraziati per avere diffuso i numeri antibracconaggio, anche se per noi questo è un dovere. Moltissime sono state le segnalazioni pervenute alle Guardie volontarie o direttamente alla nostra Redazione e poi veicolate alle Forze dell’Ordine. Sono servite ad individuare e reprimere numerosi casi di bracconaggio e maltrattamento.

Per questo, se non vuoi che tutto questo si estingua, ti invitiamo a sostenerci con un versamento minimo annuale di appena 20 euro.

Ci siamo un po’ tutti, a titolo personale o come associazioni, piccole o grandi che siano. Da Andrea Zanoni, storica presenza delle battaglie contro la caccia in Italia ed al Parlamento Europeo, a Guardie volontarie di più associazioni, come il WWF, agli attivisti di Veg in Campania (tanto per citare un gruppo forse meno conosciuto ma molto attivo), ai diversi volontari del CABS, fino a comuni cittadini, volontari e non, che hanno deciso di portare avanti la nostra causa. Ma soprattutto attendiamo il tuo contributo, inteso non quello economico (che contribuirà comunque a sostenere GeaPress) ma di idee, proposte, iniziative per le quali saremo felici di poter lavorare assieme.

PER SOSTENERE GEAPRESS SONO SUFFICIENTI 20 EURO L’ANNO

PER SOSTENERE GEAPRESS CLICCA QUI

 RICORDATI DI INSERIRE LA CAUSALE “SOSTENITORE GEAPRESS”

E DI COMUNICARCI LA TUA EMAIL SCRIVENDO A info@geapress.org

TI ASPETTIAMO

 

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati

  • Facebook
  • Twitter
  • email
  • OkNotizie
Condividi

Bracconaggio – Le fototrappole donate da GeaPress hanno già funzionato

19 settembre 2013 | GEAPRESS - Risvolto inatteso dopo che i Sostenitori di GeaPress hanno donato la speciale apparecchiatura per "trappolare" i bracconieri. Piccole macchine fotografiche mimetizzate in prossimità dell'appostamento del cacciatore di frodo, pronte a fotografare il bracconiere in avvicinamento (vedi articolo GeaPress). In redazione, infatti, sono arrivate segnalazioni di lettori che chiedevano l'intervento dei volontari del CABS (Committee Against Bird Slaughter), armati, ovviamente di fototrappol...
Leggi tutto Lascia un commento

BRACCONAGGIO – Le fototrappole donate da GeaPress

16 settembre 2013 | GEAPRESS - Le fototrappole per la cattura non degli animali ma dei bracconieri. Le hanno donate i SOSTENITORI DI GEAPRESS  al gruppo antibracconaggio che opera, nell'ambito delle azioni del CABS (Committee Against Bird Slaughter), nel sud della Sardegna, sullo Stretto di Messina in Calabria e sulle piccole isole siciliane, punti caldi delle cacce illegali italiane. Mezzi ormai indispensabili, quelli delle fototrappole, ancorchè utilizzate in zone impervie ben conosciute dai bracconieri. E' ...
Leggi tutto 3 commenti