Secondo Conrad, l’autore di Cuore di Tenebra, per imbattersi nell’orrore bisognava risalire con un barcone la corrente di un fiume pieno di insidie e penetrare nel cuore della foresta vergine africana. Oggi per noi è molto più semplice: basta varcare la soglia del Parlamento italiano, nel cuore di Roma, dove è in via di recepimento (tramite decreto legislativo e cioè senza dibattito) la Direttiva 2010/63/UE sulla vivisezione.

I 79 articoli e gli otto allegati di questa legge, derisoriamente chiamata “Direttiva sulla protezione degli animali utilizzati a fini scientifici”, sono un concentrato di pratiche incredibili, che sembrano venire dai secoli bui della Storia, e che un numero importante di medici e scienziati giudicano controproducenti per la salute umana, utili solo ai centri di ricerca e alle aziende nazionali e transnazionali, che ne traggono benefici economici straordinari.

L’unica strada per superare questo immane sacrificio di esseri senzienti e nello stesso tempo tutelare la nostra salute è lo sviluppo dei metodi sostitutivi, sempre elogiati e ricordati a parole: ma chi, tra i nostri politici e i nostri ricercatori, li vuole davvero? Come mai, nell’ottobre 2011, la proposta di destinare a questi metodi il 33 per cento dei fondi per la ricerca, proposta presentata nella Commissione XII della Camera, è stata immediatamente cassata?

Per avere una risposta a questi interrogativi e per chiedere un grande dibattito aperto e democratico sull’implementazione dei metodi sostitutivi, la LEAL, insieme con il Comitato scientifico Equivita e con la Fondazione Hans Ruesch, ha scritto una Lettera aperta al Ministro della Salute Renato Balduzzi (CLICCA QUI).

Vanna Brocca
Direttore Responsabile de “La voce dei senza voce”
LEAL – LEGA ANTIVIVISEZIONISTA

La Leal, con Equivita e  Fondazione Hans Ruesch, invita tutti a sottoscrivere la protesta. Per farlo basta inviare un breve messaggio scritto La Direttiva 2010/63/UE è “irrecepibile”. Vergogna a chi la vota!”  al Ministro della Salute. Le email alle quali indirizzare il messaggio sono le seguenti: segreteriaministro@sanita.it,  (e per conoscenza) ufficiostampa@sanita.it.

Per scaricare il volantino con il testo della Lettera cliccare sui seguenti link:
fronte
retro
fronte e retro insieme

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati