venditore tigre II
GEAPRESS – Nonostante la palese violazione della legge, evidenziatasi tramite annunci  sui social network con il segno dell’OK e cucciolo di tigre in braccio, non è stato facile poterlo acciuffare.

Infine le indagini dell’ONG ENV (Education for Nature – Vietnam) e della Polizia, lo hanno colto in flagranza di reato nel negozio di animali. Stava vendendo alcune scimmie e lontre.

Il giovane presunto trafficante di Ho Chi Minh è finito così in carcere. Secondo quanto comunicato sembra che lo stesso soggetto sia stato nel passato sanzionato. Evidentemente non era bastato e quel segno di OK suona ora come una beffa. Per incastrarlo, però, ci sono voluti due anni di investigazioni. Nel negozio sono stati trovati anche alcuni rettili, tra cui  Tegu ed un coccodrillo.

Secondo fonti si polizia il soggetto potrebbe essere solo una pedina di una più grande banda di trafficanti. Questo intervento dimostra ancora una volta come il commercio illegale di sepcie esotiche via web sia in aumento.
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati