GEAPRESS – La denuncia è dell’Associazione 100% animalisti ed i fatti sono avvenuti in una nota discoteca del vicentino. Un vero e proprio spettacolo che ha attirato l’attenzione dei numerosi visitatori che si sono accalcati alla teca che teneva prigioniero un grosso serpente. Ad un certo punto è stato inserito un terrorizzato ratto albino che è stato divorato, ovviamente vivo, dal grosso rettile. Appena il serpente ha puntato il ratto, i clienti della discoteca hanno iniziato a battere sulla teca incitando, secondo loro, il rettile. Immediata la minaccia di denuncia, dal momento in cui la legge 184/09 vieta spettacoli che comportino strazio e sevizie per gli animali.

Il gestore del locale, la discoteca Macrillio di Gallio sull’altopiano di Asiago (VI), si è scusato dicendo che non era consapevole delle sofferenze arrecate all’animale, prime fra tutte le vibrazioni che hanno sommerso il povero serpente. “Posso confermare con la massima sincerità che non era nostra intenzione far soffrire il serpente, ne tanto meno di dare spettacolo con la morte del topolino – ha scritto a 100% Animalisti, Anthony Tescari, gestore della discoteca -. Per tale motivo io e i miei collaboratori abbiamo deciso di rimuovere immediatamente il serpente e di restituirlo al negozio dove era stato acquistato con regolare documentazione”.

Un errore, insomma, ammesso e riparato. In questa maniera, però, il gestore ammettendo la propria colpa, per negligenza ed impreparazione, potrebbe uscire dal campo di applicazione del reato di cui al “maltrattamento di animali” della legge 189/04. Per lui, comunque poi pentitosi, si sarebbe potuto contestare il più blando 727 del Codice Penale sulle inidonee condizioni di detenzione che considera anche le condotte colpose.

I negozi di animali che a volontà vendono pitoni anche potenzialmente pericolosi (come ad esempio il Pitone moluro) e Boa constrictor (basta il nome …) non possono fornire specificazioni adeguate sul mantenimento di tali animali. Solo di recente, in Italia, si sono previsti corsi per possessori di cani, figuriamoci per i serpenti. Il Corpo Forestale dello Stato (vedi articolo GeaPress) ha recentemente raccomandato, a proposito di abbandoni e fughe di animali esotici, di non acquistare animali dei quali non se ne conosce l’etologia. GeaPress ha pubblicato una intervista al dott. Vincenzo Ferri, erpetologo di fama internazionale (vedi articolo GeaPress) dove vengono messi in luce i danni arrecati dalla terraristica e quelli potenzialmente arrecabili dagli animali detenuti, ivi compresi Pitoni moluro e Boa constrictor. Una delle caratteristiche che vengono richieste dagli acquirenti al momento dell’acquisto è invece quella di sapere se il serpente si nutre di “morto”, “pre-killed” o “vivo”. Dello spettacolo offerto dal magiare il “vivo”, ad esempio di pulcini, esiste un’ampia carrellata di video (vedi video).(GEAPRESS – Riproduzione vietata senza citare la fonte).

English version:

Mouse eaten alive. New entertainment into a disco.
Manager says sorry.

From editorial staff | 27th august 2010

GEAPRESS – The 100%Animal Lovers Association’s complaint and events are occurred in a famous disco of Vicenza. A real show that has captured the attention of many visitors that are crowed themselves in front of the theca that kept prisoner a big snake. Suddenly it was put in a scary white mouse that it was eat, alive of course, by the big reptile. When the snake saw the mouse, customers of the disco started to beat on the theca encouraging, in their opinion, the reptile. Immediately the received the threat of complaint, because the 189 law of 2009 prohibit shows that request pain and violence against animals.

The disco’s manager, the disco’s name is Macrillio of Gallio on the plateau of Asiago, near Vicenza, said sorry telling that he wasn’t aware by animal’s suffering, first of all the vibrations that has covered the poor snakes. “I can confirm with the high sincerity that it wasn’t our intention to make suffer the animal and to give a show with the mouse’s death” –he has wrote to 100% Animal Lovers, Anthony Tescari, disco’s manager –“For this reason my collaborators and me have decided to remove immediately the snake and give back it to the shop where it was buy with regular documentation”.

A mistake, then, confessed and resolved. In this way, however, the manager confessing his fault, for negligence and unpreparedness, could go out the application’s field of crime in “animals abuse” of 189 law. For him, that however said sorry, it could be possible contest the more bland 727 of Penal Code of defective conditions of detention that consider negligent conducted, too.

Animal’s shops that sell a lot pythons potentially dangerous, too (like for example the Moluro’s python) and Boa Constrictor (the name says everything…) can’t give specifications adapt of maintenance of these animals. Only now, in Italy, they provide courses for dog’s holders, imagine for snakes. State Forestry (look article GeaPress) has recently recommended, about drops and exotic animal’s escapes, to not buy animals that we don’t know ethology. GeaPress published an interview to Doct. Vincenzo Ferri, herpetologist of international fame (look the article GeaPress) that give information about problems caused into terrarium and which are potentially adversely to prisoner animals, moluro’s pythons and Boa Constrictor included. One of characteristic that is request from customers at the moment of purchase it’s on the contrary to know if the snake eats “death animals”, “pre-killed” or “alive”. About the show offered to eat the “alive”, for example chicks, exists a big range of videos (look video). (GEAPRESS-Reproduction prohibited without mention the source).