GEAPRESS – Due dei quattro rinoceronti uccisi dai Rangers corrotti del Kruger Park e dei quali si è avuta notizia ieri,  erano dei cuccioli. Appena martedì scorso, il Parco Nazionale aveva diffuso la notizia del ritrovamento degli animali al Napi Boulders Loop, nel Pretoriuskop Ranger Section del Kruger Park. Ieri, invece, l’arresto dei quattro. Un comandante dei Rangers, un funzionario e due guide. 

L’aspetto che preoccupa di più è proprio l’area oggetto dell’atto di bracconaggio che era affidata al controllo del Ranger ora arrestato. Si tratta, infatti, di una zona molto piccola. Appena pochi ettari, dove però, dall’inizio dell’anno, sono stati uccisi undici rinoceronti. E’ verosimile che la banda  sapesse in anticipo dei movimenti programmati dall’esercito sudafricano, a cui è affidato in modo particolare il controllo della frontiera con il Mozambico. Da questo paese, infatti, provengono spesso le bande di bracconieri. Non solo. Pochi giorni addietro, sempre nella stessa area, vi erano stati violenti scontri a fuoco che hanno provocato la morte di alcuni bracconieri. Forse, però, conveniva avvisare preventivamente solo alcuni di loro.

Elicotteri, potenti mitragliatrici, finanche veterinari corrotti, ed ora anche Rangers. Facile da immaginare, però. L’alto guadagno che procura il corno di rinoceronte è in grado di corrompere fino agli alti livelli. Poi l’elevato numero di animali uccisi. Già 43 dall’inizio dell’anno nella sola area del Kruger Park. Ottanta in tutto il Sudafrica. Solo nel 2011 furono nello stesso paese uccisi ben 448, più del 2010, quando si registrarono 303 animali uccisi. Un’ecatombe che sembra non avere fine e che secondo gli stressi Uffici della Convenzione di Washington, trova una utile copertura sia nei permessi di caccia falsificati che nelle successive alterazioni della documentazione Cites che dovrebbe garantire la liceità del traffico. Uccidere i rinoceronti, in più paesi africani, non è illegale. I permessi, però, sono stabiliti dalla stessa autorità della Convenzione di Washington.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati