GEAPRESS – Uno dei tanti russi stracarichi di soldi che vengono a passare le vacanza in Costa Smeralda. Con aereo privato ed ospiti al seguito. Solo che prima del volo di partenza è stato attenzionato dall’Ufficio delle Dogane dell’ aeroporto “Costa Smeralda” di Olbia. Il magnate aveva con sé ben cinque scatole di caviale per un totale di due chili e mezzo di preziose uova di Storione sempre più vicino all’estinzione.

Ogni scatola da 500 gr. valeva ben 5000 euro e viene da chiedersi perché un russo parta dall’Italia con un  prodotto che dalle sue parti, spesso in barba alla normativa vigente, si trova se non proprio in tutti quantomeno nei giusti angoli di strada. In genere i sequestri di questo genere avvengo nella tratta opposta. Dalla Russia vero l’Italia e non al contrario. Semplice. Si trattava della parte residuale del ben più ampio spuntino che si era portato appresso nel viaggio di andata.

La sanzione contestata dall’Ufficio delle Dogane di Olbia ammonta a diverse migliaia di euro e se dovesse incappare un’altra volta nei suoi intrattenibili spuntini a basa di uova eviscerate, si andrà direttamente sul penale. Intanto, con il suo aereo privato, è già partito alla volta dei luoghi di origine… alleggerito delle uova di storione che gli sono state sequestrate.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati