tigre
GEAPRESS – Forse un effetto “estate”. Così si vocifera tra gli inquirenti, pur senza sottovalutare la segnalazione. E’ proprio nel periodo estivo, infatti, che in Italia si registrano periodiche segnalazioni di pantere nere (chissà perché, sempre nere), puma, orsi esotici e qualche volta di tigri.

In quest’ultimo caso le voci hanno fatto capolino, proprio in questi giorni, in zona Casal del Marmo – Boccea, nei pressi di un boschetto di via Monte del Marmo prossimo al Grande Raccordo Anulare. Una tigre, addirittura, che avrebbe pure sbranato un gregge di pecore. Solo che il pastore, forse non in regola con i permessi, avrebbe nascosto il tutto. Un elemento in più per l’effetto “estate”, ma tra alcuni abitanti si è creata l’inquietudine sufficiente per telefonare alla Forestale, poi alla Polizia, infine al Ministero dell’Ambiente.

Una tigre, riferiscono gli esperti della Forestale da noi contattati, non è però un felino che si confonde con altri. In altri termini una pantera nera, ovvero una forma melanica del leopardo o del giaguaro, può essere confusa con un  grosso gatto nero. Ma la tigre, è comunque una tigre. Nel caso romano, le voci parrebbero rincorrere una tigre come un altro felino. Ciò non toglie, riferiscono dalla Forestale, che la segnalazione venga attenzionata come di dovere, ma attenzione a non creare inutili allarmismi.

Nel caso di via Monte del Marmo, non è stato inoltre possibile verificare le carcasse delle presunta aggressione  al gregge di pecore.  Dunque, neanche elementi indiretti, come il diametro del foro causato dai canini nelle ossa degli animali eventualmente aggrediti né tanto meno le caratteristiche stesse dell’aggressione. Dunque, al momento, nessuna conferma dei sospetti. Nel caso dovessero verificarsi, è bene mettersi in contatto con i numeri di emergenza delle Forze dell’Ordine.

Già nel recente passato, in Toscana, si era avuta una segnalazione di “tigre”. Si rilevò del tutto infondata, nonostante l’allarme avesse coinvolto nelle ricerche numerosi appartenenti sia ai Carabinieri che alla Forestale.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati