GEAPRESS – Per la legge italiana non è un animale pericoloso, ma una signora di Napoli, evidentemente, non la penserà così. L’ennesimo grosso serpente scappato di casa ha oggi morso una signora di Casoria (NA) mentre apriva un piccolo armadio sistemato nel balcone. Il pitone reale di circa un metro, era scappato dalla teca del vicino. Infilatosi in un conduttura dell’aria condizionata era poi sbucato nell’appartamento confinante e si era rifugiato all’interno di un armadietto. Un volta che l’ignara signora ha aperto lo sportello e subito stata morsa dal serpente. L’animale è stato recuperato dal Servizio Cites del Corpo Forestale dello Stato che ha inoltre provveduto a denunciare il proprietario, nel frattempo costituitosi.

E pensare che i pitoni reali, a detta degli stessi terraristi, sono i più docili, rispetto, ad esempio, ai più pericolosi i pitoni moluro e pitone di seba.

Questi i dati elaborati da GeaPress sulla presenza dei pitoni reali e di seba in Italia.

Secondo gli uffici della Convenzione di Washington l’Italia è il nono importatore mondiale di rettili. Gli animali detenuti nel nostro paese, però, possono essere transitati da altri Stati membri dell’Unione Europea. Spagna, Germania e Gran Bretagna sono rispettivamente terzo, quinto e decimo importatore mondiale.

Secondo gli Uffici della Convenzione di Washington (CITES) l’Italia è il quinto importatore mondiale dei 280.000 Pitoni reali smerciati dal Ghana in quattro anni, ma al secondo, terzo e quarto posto vi sono altri paesi della UE dai quali transitano molti dei pitoni che poi arrivano nel nostro paese. Siamo inoltre il quarto importatore mondiale dei 145.000 rettili, la quasi metà Pitoni reali, importati dal Togo il quale registra la percentuale più bassa di quelli nati in cattività, appena lo 0,1 %. Anche in questo caso, però, tra i primi sei importatori mondiali, cinque sono paesi dell’Unione Europea. Solo nel 2010 il Ghana ed il Togo hanno avuto autorizzata l’esportazione di oltre 130.000 Pitoni reale.(GEAPRESS – Riproduzione vietata senza citare la fonte).