GEAPRESS – Confermate le indiscrezioni diffuse da GeaPress, i Forestali comunque non si sbilanciano sull’esatta specie di appartenenza del grosso felino fotografato ieri sera tra Sant’Isidoro e via Bronte. L’animale è stato visto da un dipendente  del Corpo Forestale  il quale avvisati i militari del Corpo Forestale della Regione Siciliana  ha potuto così confermare la presenza dell’animale: questo, infatti, è stato osservato dagli stessi Forestali a meno di 5 metri dalla recinzione di un’abitazione privata. Queste sono le foto diffuse dal Corpo Forestale della Regione Siciliana che sebbene non di qualità eccellente sembrerebbero riprendere la sagoma di un grosso felino nero.

Massima riservatezza sulle indagini relative ad un possibile proprietario ivi compresa l’ipotesi che trattasi di un potente del luogo. Bocche chiuse anche sull’invio di due uomini del Corpo Forestale dello Stato che nei giorni scorsi si sarebbero recati a Palermo. Al Corpo Forestale della Regione Siciliana non risulta la presenza dell’unico noto collaboratore del Corpo Forestale dello Stato che ha finora catturato felini in Italia (vedi articolo GeaPress).

I Forestali dovranno ora decidere come catturare la pantera, mentre è stata data conferma dell’inefficacia del metodo maialino-esca viva. Confermata anche la riunione, poi disdetta per altri impegni da parte della Prefettura  di Palermo forse in attesa di notizie certe suyll’esistenza della pantera.

Rispondendo alle domande dei giornalisti su cosa devono fare le persone nel caso si trovassero di fronte il grosso felino, il Corpo Forestale ha risposto di chiamare le Forze dell’Ordine, anche se non si è capito come questi possano catturare l’animale.

Forse domani l’esito delle analisi dei peli della pantera trovati sul muretto di via Bronte.

Durante la conferenza stampa è girata inoltre la voce che il Corpo Forestale della Regione Siciliana sarebbe stato denunciato dal dott. Pietro Quatra a seguito della morte di un esemplare di pantera rinchiuso nel suo zoo fattoria di Terrasini durante le operazioni di prelievo del pelo.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati