GEAPRESS – Pelli di tigre, centinaia di ossa e sette persone arrestate. E’ questo il bilancio degli interventi della polizia nepalese ai danni di una presunta banda di trafficanti.

Si tratta in effetti di due operazioni di polizia delle quali si è avuta notizia poche ore addietro grazie all’Interpol. L’area di intervento è nel centro nord del paese quasi al confine con il Tibet, ma il rapporto dell’Interpol riferisce di diverse zone del Nepal. Gli interventi dei quali si ha notizia sono avvenuti l’11 ed il 12 gennaio e riguarderebbero in modo particolare, nel primo caso, l’area protetta di Menaslu. Quattro pelli di tigre e 53 chilogrammi di ossa. A quanto pare erano in possesso di quattro dei sette arrestati che, secondo l’Interpol, erano in procinto di contrabbandare il tutto verso la Cina.

Il giorno seguente, lungo una strada sul confine cinese, è invece avvenuto il sequestro di cinque pelli di tigre e 114 chilogrammi di ossa. Erano nascosti all’interno di sacchi di riso.

L’intervento di polizia è il risultato di un corso di preparazione tenuto dagli esperti dell’Interpol nel mese di dicembre. Una corposa operazione di intelligence che ha altresì comportato la gestione di delicate informazioni sulla criminalità dedita ai crimini ambientali nel Nepal.

Il successo di queste operazioni da parte della polizia del Nepal – ha dichiarato David Higgins, capo del Programma criminalità ambientale dell’Interpol – dimostra l’importanza dei programmi di sviluppo volti a fornire le giuste informazioni di polizia per combattere in maniera più efficace, le varie forme di criminalità transnazionale“.

Il corso di formazione e altre iniziative messe in campo per combattere i traffici di fauna selvatica e dei grandi felini in particolare, avvengono sotto gli auspici del Progetto dell’Interpol denominato “Predator”. Si tratta di un programma integrato che mira a ridurre il contrabbando di tigre ed indurre altresì le autorità governative nell’applicazione delle leggi. Partner del progetto sono l’Agenzia statunitense per lo Sviluppo Internazionale (USAID), ed il Dipartimento del Regno Unito dell’Ambiente e degli Affari Rurali (DEFRA).

Come è noto le ossa di tigre, vengono utilizzate nella medicina tradizionale orientale.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati

VEDI FOTOGALLERY: