GEAPRESS – Ennesimo ritrovamento in Italia di una tartaruga azzannatrice. L’animale, rinvenuto a Fiumicello(GO), è tutt’ora presente nel mondo dei terraristi italiani, sebbene non doveva essere più detenuto fin dal 1997. Da quella data, infatti, è entrato in vigore il decreto sugli animali pericolosi per la salute e l’incolumità del pubblico risalente, addirittura, al 1996.

Le tartarughe azzannatrici possono infierire morsi molto pericolosi. In un recente sequestro, operato dal Corpo Forestale in Abruzzo, la tartaruga veniva detenuta in un giardino. Circhi e zoo sono autorizzati alla detenzione, fatto che potrebbe agevolare la possibilità di diffondere animali, in buona parte di cattura in natura, non più permessi ai privati detentori. Alla moda di tenere animali esotici in casa, tra cui uccelli, serpenti e tartarughe ma anche insetti e ragni, si aggiungono le promiscuità con il mercato illegale.

Recentemente (vedi articolo GeaPress) è stata condotta un’importante operazione da parte della Procura della Repubblica di Tempio Pausania (OT) dove centinaia di testuggini venivano catturate nella Gallura per essere vendute a terraristi di mezza Italia.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati