hermanii
GEAPRESS – Gli investigatori del CITES del Corpo Forestale dello Stato di Bari, congiuntamente agli uomini del Comando Stazione Forestale di Taranto, nell’ambito dell’attività di controllo del territorio, hanno rinvenuto in una proprietà privata alla periferia di Massafra (TA) tartarughe d’acqua detenute all’interno di un piccolo stagno artificiale di circa 10 metri quadrati. Presenti anche tartarughe di terra occultate sotto una grata che copriva un terrario di circa 15 metri quadrati.

Nello specifico si tratta di tartarughe d’acqua più comunemente dette “dalle guance rosse” e tartarughe di terra Testudo hermanni.

Entrambe le specie sono protette ed il loro commercio è regolato da normative internazionali, comunitarie e nazionali. La Forestale sottolinea inoltre come, soprattutto nel caso delle tartarughe d’acqua, trattasi di animali che possono essere portatrici di salmonella e pertanto da maneggiare con attenzione evitando il libero contatto con l’uomo. La normativa detta precise condizioni legate alle detenzione ovvero certificati e/o documentazione che ne attesti la legale detenzione e acquisizione.

I Forestali hanno deferito il detentore massafrese, privo della suddetta documentazione, all’Autorità giudiziaria sequestrando gli esemplari in esame che saranno a breve affidati ad un centro autorizzato alla detenzione degli stessi.
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati