zampe orso
GEAPRESS – Due persone sono state arrestate nel Sabah, uno dei due stati della Malesia, con l’accusa di avere trafficato parti di animali.

L’intervento degli agenti del Sabah Wildlife Departmet, ha infatti portato alla scoperta di zampe di orso malese. Si tratta, in tutto, di otto arti ai quali devono aggiungersi due cistifelle e otto denti.

La polizia del Sabah è arrivata ai due grazie ad una dettagliata informazione; il sospetto è che le parti di animali dovessero essere esportate. La richiesta, molto probabilmente, è quella della medicina tradizionale orientale, come parrebbe giustificare la presenza delle cistifelle.

Dal sequestro dei cellulari si spera ora di ricostruire qualcosa di più sul contrabbando di parti di animali protetti dalla legge. In particolare l’orso malese è protetto fin dal 1997 . La pena dentiva, in caso di tali violazioni, può arrivare fino a cinque anni di carcere.

La richiesta di arti di orso, come nel caso della Cina, è talmente elevata da avere nel passato portato alla scoperta di traffici illeciti anche lungo il confine con la Russia. A sottolineare la possibile richiesta proprio da parte della medicina tradizionale, è stato, in questo caso, l’Ufficio Traffic del WWF.
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati