tartarughe e altro
GEAPRESS – Si è conclusa in questi giorni una maxi operazione volta al contrasto del traffico illegale di specie protette. Secondo quanto reso noto dall’Organizzazione mondiale delle Dogane (WCO) la polizia di più paesi ha provveduto ad arrestare  23 persone. Gli animali sequestrati sono invece 775, tra cui tartarughe, pappagalli, scimmie, un caimano e un cervo dalla coda bianca. Tolti ai trafficanti anche 17 tonnellate di cetrioli di mare secchi, 168 chili di pinne di squalo e più di 2.000 tronchi d’albero.

L’operazione, denominata FLYAWAY,è stata organizzata dal Regional Intelligence Liaison Office (RILO) del WCO Sud America in stretta collaborazione con le autorità peruviane e statunitensi. I controlli hanno riguardato il trasporto aereo sia di passeggeri che di quello di merci. Sotto controllo anche le  spedizioni postali e via corriere espresso.

Gli interventi si sono protatti per dieci giorni a partire dalla fine di giugno 2015. Oltre alle specie considerate negli elenchi CITES i controlli hanno riguardato anche la flora e la fauna protetta dalle leggi dei singoli stati. In Colombia e in Perù, informa il WCO, la cooperazione nazionale e il coordinamento tra le varie autorità hanno consentito un ampliamento degli interventi anche nei mercati e ristoranti.

In totale sono stati coinvolti quattrodici paesi. Destinazioni di partenza, di arrivo e transito individuate in Brasile, Cile, Colombia, Germania, Messico, Olanda, Perù, Portogallo, Spagna, Svizzera, Regno Unito, Stati Uniti, Uruguay e Venezuela.

Tra i sequestri da segnalare quello di una pelle di Ocelot, un Pinguino di Humboldt imbalsamato e resti di Tartarughe marine appartenenti a specie considerate in via di estinzione. Di rilevo un esemplare ancora in vita di  Scimmia lanosa dalla coda gialla che si rinviene solo nelle Ande peruviane.  Tra i reperti più singolari anche 4.000 pillole di integratori dietetici contenenti estratti di piante protette. In Messico, le autorità hanno inoltre salvato 209 animali domestici provenienti da impianti illegali.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati