GEAPRESS – Si chiama Libra, l’operazione contro il bracconaggio di Pagolini, coordinata dall’Interpol nei mesi di giugno e luglio. L’intervento ha coinvolto i principali paesi del sud est asiatico al centro dei traffici di fauna selvatica. Indonesia, Laos, Malesia, Tailandia e Vietnam. In tutto sono state arrestate 40 persone ed altre 200 sono attualmente indagate. Questo a testimoniare la vastità di un commercio, del tutto illegale, sempre più praticato non solo per la carne del povero animale, ma anche per l’utilizzo delle scaglie cornee atte a confezionare monili e gioielli.

Purtroppo, sottolinea l’Interpol, a causa delle abitudini dei Pangolini, una specie schiva che abita nel folto delle foreste, è difficile valutare l’impatto che tali traffici hanno sulle popolazioni naturali. Parrebbe, però, che alcune specie siano in forte decremento numerico, in alcuni casi stimato, negli ultimi anni, ad oltre il 50%.

Nel corso dell’operazione Libra, sono stati controllati a setaccio ristoranti e locali tipici. Circa 1220 pangolini sono stati così recuperati, metà dei quali ancora in vita. Rinvenuti anche uccelli, serpenti ed otto cuccioli di tigre.

Gli interventi, che si sono avvalsi della cooperazione dell’organizzazione mondiale delle dogane, hanno altresì individuato specifici canali di contrabbando. In particolare sono stati sequestrati carichi di pangolini congelati che dall’Indonesia erano diretti in Vietnam (nella foto delle autorità doganali vietnamite). Cinque tonnellate di pangolini congelati e stipati in 260 cartoni. Vietnam ed Indonesia stanno ora cooperando per identificare i sospetti.

L’operazione Libra – ha dichiarato David Higgins, capo del programma di criminalità ambientale dell’INTERPOL – è un eccezionale esempio dei risultati che si possono raggiungere attraverso la cooperazione internazionale. Il traffico dei Pangolini – ha aggiunto Higgins – avviene proprio ai danni di uno degli animali più vulnerabili esistenti al mondo. Interventi di questo tipo devono essere mantenuti, identificando e perseguendo coloro che dirigono il commercio. Viceversa, è altamente probabile assistere all’estinzione, in molte regioni di Pangolini“.

Tutte le otto specie di pangolini, sono protetti dalle leggi nazionali e dalla Convenzione di Washington sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione (CITES). Ciò nonostante, migliaia di animali vengono sequestrati ogni anno. Sebbene alcuni animali vengono trovati ancora in vita, la loro possibilità di sopravvivenza sono scarse a causa dei maltrattamenti subiti specie durante il trasporto.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati