zanne
GEAPRESS – Sono in tutto 189 le zanne di elefante sequestrate nel porto di Hong Kong sul finire dello scorso mese di settembre. Lo ha reso noto ieri, nel corso di una conferenza stampa tenutasi, l’autorità doganale.

Si tratta di tre spedizioni arrivate nel porto in momenti diversi. Tutte dichiaravano il trasporto di soia ma al controllo ai raggi X di alcuni container è stata rilevata la presenza di zanne ben nascoste sotto i sacchi di soia.

Il paese di provenienza è la Costa d’Avorio, mentre il valore stimato dell’avorio è prossimo ad un milione di dollari. Il peso complessivo è di 769 chilogrammi. Le indagini sono ora rivolte a rintracciare le persone coinvolte nella spedizione.

Proprio due mesi addietro, sempre nel porto di Hong Kong, è avvenuto il sequestro di 1000 zanne provenienti dalla Nigeria. Viaggiavano con una spedizione altrettanto illegale di corni di rinoceronte e pelli di leopardo. Il valore stimato era di 5,3 milioni di dollari. A luglio, invece, un altro sequestro, Si trattava di due tonnellate di zanne per un valore di 2,3 milioni di dollari.

Le dogane di Hong Kong, ivi comprese quelle aeroportuali, sono tra le più segnalate per l’importazione di avorio.

Proprio oggi, in più città del mondo si svolge l’iniziativa “In Marcia per gli Elefanti”. L’appuntamento a Roma è fissato per le ore 14.00 al Pantheon. Scopo dell’iniziativa è sensibilizzare il governo cinese. La Cina, infatti, è il principale mercato dell’avorio.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati