GEAPRESS – Ancora sequestri di testuggini in aree doganali. Ancora una volta Genova e le testuggini provenienti dal nord Africa. Sei animali sequestrati stamani ad un cittadino straniero sbarcato da un traghetto dall’ Ufficio delle Dogane di Genova in collaborazione con i militari della Guardia di Finanza.

Le sei tartarughe vive sono state  riconosciute appartenere alla specie protetta “testudo graeca”.

Già lo scorso agosto (vedi articolo GeaPress) ben 17 testuggini erano state sequestrate nel capoluogo ligure. Gli animali erano nascosti in un bagaglio con delle stecche di sigarette, anch’esse di contrabbando. Recentemente altri sequestri sono avvenuti a Venezia, Bari e Palermo.

Sempre questa estate, invece, la Procura della Repubblica di Tempio Pausania (OT), sgominò un mega traffico di tartarughe che, catturate nelle campagne della Gallura (vedi articolo GeaPress), venivano smerciate tramite un sito internet campano per essere vendute ai terraristi. Ben 150, infatti, furono sequestrate nelle case dei cosiddetti “appassionati” di rettili in cattività. Quest’ultimo intervento rientrò addirittura nell’ operazione RAMP coordinata dell’Interpol in ben 51 paesi (vedi articolo GeaPress). Altre 200 tartarughe, tutte neonate, furono sequestrate dal Corpo Forestale dello Stato nei pressi di una esposizione di “appassionati” che si svolgeva a Cesena (vedi articolo GeaPress). (GEAPRESS – Riproduzione vietata senza citare la fonte).