cobra ifaw
GEAPRESS – Sessanta cobra sono stati confiscati in Egitto il mese scorso presso l’aeroporto del Cairo. Secondo quanto riportato da IFAW (International Fund for Animal Welfare) un doganiere aveva rilevato un movimento sospetto nel corso di un monitoraggio dei bagagli avvenuti tramite lo scanner a raggi X. I serpenti cobra erano stipati in sei sacchetti all’interno di due scatole. Per limitarne i movimenti, gli involucri erano stati confezionati con del ghiaccio attorno, mentre le loro bocche apparivano cucite con dei fili chirurgici.

IFAW precisa che il Cobra egiziano è uno dei più grandi cobra africani. Vive principalmente nelle regioni calde e secche del continente. Purtroppo, il contrabbando di cobra e altri tipi di rettili è in Egitto molto diffuso. Grazie ai corsi di formazione supportati dalla sede di Dubai di IFAW all’inzio di quest’anno, si è potuto specializzare del personale di diversi apparati, che ha ora contribuito a svelare il fenomeno del contrabbando.

I Cobra, subito dopo il sequestro, stati trasportati presso lo zoo di Giza, dove i veterinari hanno potuto rimuovere i punti di sutura. Tutti gli animali verranno rilasciati nel loro ambiente.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati