GEAPRESS – A conferma che l’Indonesia è un nodo cruciale per i trafficanti di animali (vedi articolo GeaPress) e che i paesi occidentali sono spesso i destinatari del bottino, ecco una nuova e macabra conferma: un teschio di scimmia appartenente alla specie Macaca ed uno di pipistrello sono stati rinvenuti all’aeroporto di Malpensa.

Il ritrovamento è avvenuto ad opera del Servizio Antifrode dell’Ufficio delle Dogane di Malpensa. Il riconoscimento è stato invece effettuato dal Nucleo Cites del Corpo Forestale in Servizio presso lo stesso Aeroporto.

Al destinatario è stata contestata una sanzione amministrativa di 6024 euro per violazione delle disposizioni internazionali a salvaguardia delle specie vegetali ed animali in pericolo di estinzione (CITES).

In Europa vi sono numerosi collezionisti di ossa, teschi ed interi scheletri. La macabra moda, estesa anche a penne ed uova di uccelli, è in alcuni casi tra le cause di rarefazione delle popolazioni selvatiche di specie animali. In Europa sono finanche arrivate mani di gorilla da utilizzare come posacenere e zampe di elefante da adibire a porta ombrelli o addirittura a contenitori di rifiuti.

Recentemente il Nucleo Cites di Palermo ha sequestrato squali sotto alcool e teschi di alligatori.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati