scaglie pangolino
GEAPRESS – Si tratta di uno dei più grossi sequestri di scaglie di Pangolino mai avvenuti in Cina.

Secondo quanto diffuso dalle autorità doganali della provincia meridionale del Guangdong, circa 1,6 tonnellate di scaglie di Pangolino sono state intercettate sabato scorso a bordo di un veloce natante. L’ingente quantitativo, del valore di circa mezzo milione di dollari, era sistemato in 76 sacchi. Un uomo risulta essere stato arrestato a seguito del ritrovamento.

Purtroppo le scaglie di Pangolino sono ancora molto richieste dalla cosiddetta medicina di tradizione. Questo nonostante la formale protezione che però sembra non riuscire ad arrestare un commercio che sta gravemente compromettendo non solo le specie asiatiche di Pangolino, ma anche quelle africane. In più occasioni le autorità doganali, specie quelle di Hong Kong, hanno intercettato carichi di scaglie di Pangolino provenienti dall’Africa.

Nel caso dello specifico sequestro, non è ancora nota la specie di appartenenza.

In Cina le persone ritenute coinvolte nel commercio di scaglie di Pangolino o di altre specie animali o vegetali tutelate, rischiano numerosi anni di carcere. Le scagli non hanno alcuna valenza terapeutica.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati