serpente
GEAPRESS – Per avere certezza della causa di morte dei due bambini di Campbellton nella provincia canadese del New Brunswickm, occorrerà aspettare i risultati degli esami autoptici. Secondo quanto riferito dalla polizia, la dinamica potrebbe però essere già definita. Attreverso un condotto della ventilazione, il serpente scappato dal vicino negozio di animali, ha raggiunto l’abitazione. I due bambini, di cinque e sette anni, sarebbero stati soffocati nel sonno dalle spire del rettile poi catturato dalla polizia.

Si tratterebbe di un Pitone anche se non è stata riportata la specie di appartenenza. Un grave fatto, molto simile a quello ora occorso, era  avvenuto nel 2011 in Florida. Un Pitone moluro aveva ucciso in maniera simile una bambina di due anni.

Perché i rettili uccidono con le spire? Per nutrirsi, ed a maggior motivo quelli che non sono velenosi. Può darsi, però, che il Pitone ora ripreso in Canada, cercasse solo calore.  Così, infatti, ebbe a riferire in una intervista concessa a GeaPress il prof. Vincenzo Ferri, ovvero uno dei massimi esperti italiani di rettili (vedi articolo GeaPress). Una abitudine che è spiegabile con l’esigenza di termoregolarsi. I rettili, come è noto, sono animali a sangue freddo. Basta portarli al collo, come in molti purtroppo fanno, e l’animale potrebbe iniziare a stringere. Il prof. Vincenzo Ferri sottolineò allora anche la pericolosità che deriverebbe dalla vendita di tali animali, non tutti inseriti nello speciale elenco di animali pericolosi per la salute e l’incolumità pubblica e per i quali è interdetto il possesso ai privati detentori italiani.

Un grosso Pitone come il moluro, se in regola con la documentazione Cites sul commercio di specie in via di estinzione, può essere acquistato in un negozio con le stesse precauzioni di legge di un pesciolino rosso. Nessuna norma nazionale detta disposizioni in merito, e le poche leggi regionali sono di fatto del tutto inefficaci.

A creare problemi non sono però solo i grossi moluri. Un signora di Casoria (NA) venne morsa da un più piccolo e mite Pitone reale, che si era rifugiato nell’armadietto del balcone, una volta fuggito dalla casa del vicino. La signora aprì lo sportello ed il pitone, spaventato, scattò mordendola (vedi articolo GeaPress ).

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati