teschi scimpanzè
GEAPRESS – Un nuovo successo dell’ONG LAGA (Last Great Ape Organization) che mostra, però, come il traffico di grandi scimmie in alcuni paesi dell’Africa occidentale sembra inarrestabile. Gorilla e scimpanzé sono le principali vittime di una sempre vigorosa richiesta internazionale di ossa da destinare al mercato dei collezionisti.

L’ultimo caso è stato comunicato oggi e riguarda un trafficante trovato in possesso di ben 19 teschi di scimpanzé. Dall’inizio dell’anno è il cinquantaduesimo trafficante arrestato. In pratica, sottolinea la stessa ONG, un sequestro a settimana.

Il trafficante è stato individuato a est di Yaoundé, la capitale del Camerun. Quanto avvenuto ben rappresenta il massacro di scimmie in atto nel Camerun e paesi limitrofi.

Come già occorso di recente, anche in questo caso un cranio era pitturato di rosso. Ofir Drori, responsabile di LAGA, spiega l’inedito fenomeno. I teschi, infatti, verrebbero dipinti di rosso così come previsto dalla magia nera al fine di rendere invisibile il contrabbando. Evidentemente, però, la magia è impotente innanzi agli operatori della ONG che, assieme alla forze di polizia locali, hanno consentito l’arresto del trafficante.
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati