gorilla laga
GEAPRESS – Un cucciolo di gorilla è morto mentre il bracconiere tentava di venderlo.

E’ successo in Camerun, dove gli investigatori dell’ONG LAGA (Last Great Ape Organization) avevano ricevuto una buona segnalazione circa il possesso di un cucciolo di gorilla detenuto da un cacciatore di frodo.

ùPurtroppo, una volta individuato il malvivente, per il cucciolo non vi er apiù niente da fare.

Secondo quanto diffuso dalla stessa ONG, specializzata nella repressione dei reati in danno alla fauna selvatica, il piccolo animale era ormai morente.

L’uomo è stato arrestato e, almeno per ora, non potrà più  uccidere le scimmie. Nessuno, commenta però l’associazione diretta dal protezionista Ofir Drori, potrà restituire alla vita il cucciolo.

Recentemente in Camerun sono avvenuti numerosi sequestri di ossa appartenenti a gorilla e scimpanzè. Un fiorente traffico internazionale alimenta un tremendo commercio che rifornisce collezionisti di mezzo mondo. Non meno pericoloso è il prelievo di fauna selvatica ancora in vita.

Va rilevato che il prelievo di cuccioli di grandi scimmie, avviene solo dopo che sono stati uccisi gli adulti.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati