crani
GEAPRESS – Si tratterebbe del più grande sequestro di grandi scimmie mai avvenuto in Africa.  Setti teschi di gorilla ed undici di scimpanzé. Un danno enorme per la salvaguardia della biodiversità africana e delle due specie di primati.

Il sequestro è avvenuto in Camerun e a darne comunicazione è il protezionista Ofir Drori dell’ONG LAGA (Last Great Ape Organization) molto attiva nelle repressione dei traffici illeciti della fauna africana e dei primati in particolare.

Il trafficante sarebbe stato arrestato nella parte sud di Yaoundé la capitale del paese. Non è chiaro dove fosse diretto ma il sospetto è che i resti delle 18 scimmie rappresentino solo una delle più spedizioni effettuate dal trafficante.

Nel Camerun vivono due diverse sottospecie di Gorilla di pianura. Nel caso i crani rinvenuti appartenevano al Gorilla di Cross River, il danno per la conservazione della particolare sottospecie sarebbe ancor maggiore. Si stima, infatti, che sopravvivano in natura non più di 200 animali confinati in una ristretta area tra Camerun e Nigeria.

Il commercio dei crani è ancora alimentato da collezionisti senza scrupoli che sono disposti a spendere cifre considerevoli pur di aggiudicarsi il “reperto” osseo principale dell’ormai sempre più rara fauna africana.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati