orsetto
GEAPRESS – Un orsetto destinato, molto probabilmente, a finire in una fattoria della bile. Si tratta dei noti allevamenti, purtroppo ancora diffusi nel sud est asiatico, dove viene ricavata la secrezione della cistifellea degli orsi, utilizzata nella medicina tradizionale orientale.

La segnalazione pervenuta alla polizia di Tatai, in Cambogia, è stata gestita assieme agli esperti del Wildlife Alliace, una ONG americana molto attiva nel sud est asiatico ed in Cambogia in particolare. Il segnalante riferiva del piccolo orso tenuto all’interno di un contenitore nascosto in un villaggio a circa 70 chilometri a nord della città di Koh Kong.

Quando i rangers sono arrivati, hanno circondato la casa chiedendo al proprietario il permesso di controllare la sua abitazione. L’uomo ha subito accettato ma nessun  cucciolo di orso è stato però trovato. I rangers si sono  così diretti in una vicina  capanna, all’interno della quale è stato trovato un contenitore di colore blu contenente il piccolo cucciolo di orso. Secondo gli esperti di Wildlife Alliance non aveva  più di sei mesi di vita. Purtroppo, il proprietario della capanna è risultato irrintracciabile. L’orso è stato preso in consegna e trasferito al Phnom Tamao Wildlife Rescue Center.

L’appello di Wildlife Allince è ora di contribuire con  una donazione alle spese che deve sostenere il Centro di Recupero.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati