GEAPRESS – L’ennesimo sequestro. Secondo il Corpo Forestale dello Stato, Comando Regionale della Puglia, non accenna a diminuire l’importazione di testuggini appartenenti a specie protette e verosimilmente destinate al florido mercato illegale della terraristica. L’ultimo intervento è stato reso noto oggi. Ottantotto Testudo hermanni (nella foto) rinvenute nel porto di Bari all’interno di un furgone appena sbarcato dall’Albania. Gli animali erano nascosti nel vano di carico e, per impedirne la vista, coperti da un pannello di legno.

Ad intervenire il Nucleo Operativo Cites del Corpo Forestale dello Stato e l’Ufficio delle Dogane. Il furgone era guidato da un cittadino italiano il quale avrebbe ricavato da quella spedizione non meno di 9000 euro. Questo il valore stimato delle tartarughe.

Solo per rimanere alla cronaca degli ultimi giorni, si deve registrare un altro cospicuo sequestro in provincia di Salerno, mentre nel litorale laziale ben 200 testudo hermanni sono state trovate dai Forestali nel terreno di un presunto trafficante, il quale, verosimilmente, stava provvedendo allo stoccaggio degli animali in attesa della consegna ai singoli acquirenti (vedi articolo GeaPress).

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati