GEAPRESS – Chissà perchè quando le cose si fanno vedere, si provvede non risolvendo il problema ma spegnendo più o meno letteralmente il televisore.

Gli allevatori dello Iowa, noto Stato dall’economia prevalentemente agricola del centro degli Stati Uniti,  non ne possono più dei video degli animalisti. Assunti come lavoratori stagionali, arrivano con le loro telecamere nascoste e documentano varie deplorevoli abitudini che farebbero drizzare i capelli anche al più calvo degli accaniti carnivori tutto hamburger e cellulite. Cosa hanno escogitato le potenti lobby degli allevatori? Risolviamo i problemi o chi li rende visibili?

Indovinate quale è stata la soluzione? Approvare una legge che vieti filmati e loro riproduzione. Non solo. Chi si è reso responsabile deve essere punito con il carcere fino a cinque anni. Fantascienza? No, visto che tale proposta è stata approvata nelle Commissioni del Parlamento dello Iowa, mentre anche la Florida, annuncia un articolo apparso sul Canadian Business, si appresterebbe a farlo. I panni sporchi (che per alcuni, poi, sporchi non sono) meglio lasciarli marcire in casa, specie se ad indossarli sono gli animali e non gli allevatori. (GEAPRESS – Riproduzione vietata senza citare la fonte).