GEAPRESS – Sono vivi, ma chissà ancora per quanto, gli animali sequestrati in un allevamento nei pressi di Campobasso. La nuova frontiera nella quale è stata ormai indirizzata l’attività del Corpo Forestale dello Stato (ovvero l’agroalimentare, per la felicità di bracconieri ed altri usufruitori delle … foreste) si è così arricchiata di un nuovo sequestro di equini, bovini, caprini ed ovini. Ad intervenire, in questo caso, il Comando Stazione di Campobasso. In tutto 130 animali in parte privi di tatuaggi e marche auricolari. Provenienza, cioè, ignota. Per la sicurezza dei consumatori, sono in corso le analisi per accertare eventuali patologie che potrebbero compromettere la filiera della carne. Si vedrà poi se abbattere subito gli animali.

Sono invece già stati soppressi i suini scoperti in altro allevamento, in questo caso del tutto clandestino, nei pressi di Monte Taburno (BN). Con un’ Ordinanza sindacale si è così conclusa la vita di più di dieci animali rinvenuti dal Settore Agroalimentare del Comando Provinciale del Corpo Forestale di Benevento ed il Comando Stazione Forestale di Cautano (BN), unitamente al personale dell’Unità Operativa Veterinaria di Sanità Animale del Distretto di Montesarchio dell’ASL BN1. Tutti gli animali sono stati termodistrutti.

Strampalate scelte, quelle del nostro mondo politico, che ha ormai da tempo distratto la Forestale dai compiti più tipici del .. poliziotto in difesa della natura. Figura che, nonostante tutto, rimane nell’immaginario collettivo. Interessante notare, a questo proposito, come nel lunghissimo intervento programmatico del Ministro delle Politiche Agricole, il palermitano Saverio Romano, la Forestale è citata una sola volta, sotto la voce “sulle politiche a favore dei consumatori e la lotta alla contraffazione “. Per il Ministro la Forestale va intesa “sempre più come forza di polizia a tutela dell’agroalimentare e dell’ecosistema“. Meno male che l’ambiente, inteso quello naturale, viene ancora vagamente richiamato.  

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati