GEAPRESS – La notizia è di alcuni giorni addietro, ma in Italia è appena trapelata. Una Pseudorca, cetaceo della stessa famiglia dei delfini, è saltata fuori dalla vasca di vetro e cemento del delfinario di Okinawa, durante lo spettacolo. Ha prima eseguito dei tentativi ed infine è riuscita a saltar via, infrangendo il suo sogno di libertà subito alla base della parete di vetro che la teneva prigioniera (nel video in basso l’intera sequenza).

Il responsabile della struttura giapponese ha cercato di spiegare il tutto come un incidente. Più o meno le stesse motivazioni sono state addotte da un noto biologo marino italiano. Secondo lui ai delfinari va anzi riconosciuto il merito di aver fatto proteggere i delfini tramite la sensibilizzazione del pubblico. Più o meno così la notizia riportata dal quotidiano genovese Il Secolo XIX.

Il Los Angeles Times ha invece intervistato Richard O’Barry, notissimo ex addestratore di delfini, tra cui quelli della marina militare americana, nonché degli animali utilizzati per la serie televisiva del delfino Flipper. O’Barry è oggi una icona mondiale della protezione dei delfini. Sono suoi i drammatici documentari che mostrano l’industria della carne e dei delfinari, rifornirsi nei mari giapponesi dei delfini catturati da alcune marinerie tra cui quella più famosa di Taiji. L’ultimo documento, “The Cove”, presentato in Italia nel corso della rassegna dedicata alla giornalista Ilaria Alpi, è stato criticato, oltre che dai giapponesi, anche dal delfinario Oltremare di Riccione (RN) (vedi articolo Geapress).

Secondo O’Barry la Pseudorca del delfinario di Okinawa ha tentato di scappare dalla drammaticità della cattività, incompatibile con la natura dell’animale. Per 0’Barry le scatole di vetro e cemento dei delfinari alterano tra l’altro le capacità sensoriali dei cetacei imprigionati in un rimbombo di forti suoni e musiche, tipiche delle strutture del divertimento acquatico.

E pensare che i delfini, secondo recenti studi, sono animali forniti di autocoscienza. Capacità finora riconosciuta solo ai primati per il particolare sviluppo della corteccia cerebrale.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati