GEAPRESS – Una decisione che farà storia. Ne è convinta la WDCS (Whale and Dolphin Conservation Society) che ha vinto la sua battaglia legale contro lo zoo di Norimberga. Oggetto della questione è l’accesso agli atti relativi alla detenzione dei delfini. Lo zoo tedesco, infatti, deve ampliarsi con una vasca per i cetacei da 24 milioni di euro e su tale attività era stata montata la solita campagna mediatica sull’utilità di tali strutture per la conservazione della biodiversità.

Fatto, evidentemente, che poco convince la WDCS che aveva chiesto l’accesso agli atti negati, però, dallo zoo. Per lui, lo zoo, non si aveva diritto ad accedere alle informazioni sugli animali.

La Corte di Monaco di Baviera, intervenuta in sede di appello, ha dato però ragione alla WDCS ed ora lo zoo dovrà rendere disponibile i documenti finora negati. Si tratta, ad avviso della WDCS, di una decisione storica che dovrà fare scuola in tutti i paesi della UE. Una pietra miliare, insomma, sulle questioni legate alla informazione ambientale e, più specificatamente, alle strutture della cattività animale. (GEAPRESS – Riproduzione vietata senza citare la fonte).