GEAPRESS – Da un pò di tempo a questa parte il delfinario di Oltremare (RN) ha cambiato politica nella comunicazione di nascite e morti. Con 28 giorni di ritardo si apprende che è nato un nuovo cucciolo in vasca. Il neonato detenuto ad Oltremare sarà, secondo una vasta opinione diffusa  non solo nel mondo animalista ma anche in quello accademico, di insignificante importanza scientifica.

Nel passato Oltremare ha diffuso subito le notizie delle nascite, purtroppo in alcuni casi seguite da indesiderate morti. Alcune decessi di piccoli delfini, furono poi resi noti a distanza di mesi. Ora il delfinario si concede un mesetto prima di diffondere la notizia. Nonostante ciò il danno della morte dell’ultimo cucciolo non tardò a presentarsi proprio lo scorso maggio (vedi articolo GeaPress).

Secondo alcune denunce degli animalisti i delfinari non riescono a livello mondiale a sopperire alla mancanza di delfini nel mercato delle nascite in cattività. Devono pertanto ricorrere, come hanno fatto anche i delfinari italiani fino al recente passato, alle catture in mare. Incredibilmente proprio i responsabili di Oltremare sono stati protagonisti,  insieme ai giapponesi, delle critiche piovute sul documentario The Cove, presentato proprio nella riviera romagnola nel corso del premio Ilaria Alpi (vedi articolo GeaPress). Il documentario mostra le catture in Giappone dei delfini destinati alla macellazione ed ai delfinari.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati