asino
GEAPRESS – Si svolgerà questo week end a Villacidro, nella provincia del Medio Campidano, il “palio degli asinelli” ossia, ricorda un comunicato della LAV di Cagliari, una delle tante manifestazioni che in Italia vedono il coinvolgimento di asini e altri animali per il discutibile divertimento del pubblico.

Ad avviso della LAV tali manifestazioni non sarebbero conciliabili con le esigenze e le caratteristiche etologiche peculiari degli asini; animali per loro natura, miti e mansueti, che corrono solo quando fortemente spaventati. Gli animalisti, però, sottolineano anche gli aspetti educativi, specie per i più piccoli che vedrebbero così gli animali come “strumento”  per il proprio divertimento anziché esseri senzienti per cui provare empatia.

In assenza di una legge che vieti queste manifestazioni, la LAV ha formalmente diffidato il Sindaco e gli organi preposti alla vigilanza affinchè la competizione si svolga nel pieno rispetto della vigente ordinanza del Ministero della Salute, al momento unico riferimento normativo in materia, e soprattutto invita l’amministrazione di Villacidro ad annullare il palio e cogliere l’opportunità di ripensare alla manifestazione in una chiave più etica e rispettosa di tutti gli animali.

“La società si sta evolvendo – afferma la LAV di Cagliari – e dimostra sempre più rispetto nei confronti degli animali; è quindi auspicabile vedere molte più feste organizzate senza il loro sfruttamento”.

Già alcuni paesi, che proponevano palii in passato, hanno rinunciato alle tradizionali corse di cavalli o di asini sostituendole con gare di abilità o di velocità, disputate dalla popolazione, anche con il coinvolgimento dei bambini. Manifestazioni che hanno un grandissimo successo, molto seguite da un pubblico sempre più numeroso, a dimostrazione che non servono gli animali per attrarre i turisti e rendere accattivante un pomeriggio di festa.
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati