pacma toro
GEAPRESS – Quattro feriti lungo il percorso, una lancia per il povero toro, infine due colpi finali.

Tutto ripreso dal PACMA, il Partito Animalista spagnolo, che appena due giorni addietro aveva portato in piazza a Madrid, 45.000 persone per fermare la manifestazione che ogni anno si svolge a Tordesillas (vedi articolo GEAPRESS).

La “festa” da poco conclusa, registra scontri tra i difensori della tradizione ed i manifestanti per i diritti degli animali che, anche quest’anno, non hanno fatto mancare la loro presenza. In centinaia, infatti, si sono riversati per le strade della cittadina spagnola riuscendo a fare ritardare la manifestazione. L’intervento della Guardia Civil, ed il conseguente allontanamento, ha poi consentito l’avvio della manifestazione che ha fatto però registrare alcuni feriti proprio tra gli animalisti.

Elegido, questo il nome del toro di 600 chili scelto per l’edizione 2014, è stato finito con una pugnalata. Poco prima, però, il supplizzio dell’inseguimento di decine di lancieri, molti dei quali a cavallo.

Durissimo il giudizio del PACMA, il Partito Socialista spagnolo, che ha lanciato commenti al vetriolo anche contro il Sindaco socialista della cittadina.

Sempre secondo il PACMA, il fotografo che è riuscito a catture le immagini per conto del Partito, sarebbe stato aggredito e minacciato.

Polemiche anche per un presunto incendio che sarebbe stato appiccato nei luoghi. Secondo alcuni, sarebbe stato provocato per ritardare la manifestazione.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati