tolfa
GEAPRESS – Si è concluso intorno alle 19.30 il “Torneo regionale dei butteri” di Tolfa (RM) e di conseguenza anche la manifestazione animalista indetta dal PAE (Partito Animalista Europeo) ed Animalisti Italiani Onlus. Un torneo un po’ particolare, dal momento in cui lo spiegamento della Forze dell’Ordine era imponente, di certo molto più della precedente manifestazione di luglio.

Blindati della Polizia e Carabinieri arrivati da Roma, oltre alla presenza di Agenti in tenuta anti sommossa. Le transenne disposte dalla Polizia  nello spazio destinato agli animalisti e nei pressi della tribuna del pubblico, contribuivano ad impedire ogni contatto. Una precauzione in più dopo le gravi accuse fioccate da una parte e dell’altra quando lo scorso 28 luglio si è svolta la terza prova del Torneo (prima edizione di quest’anno) con il tanto contestato “gioco del vitello”. Un sorta di rodeo, con un vitellino da bloccare, legare e marchiare con la vernice. Un vitellino che viene inseguito da tre cavalieri.

Stante indiscrezioni circolate tra le Forze dell’Ordine, sembrerebbe però che la Questura di Roma ha chiesto per l’edizione di oggi la riduzione del numero dei cavalieri che potrebbero essere così passati  da 24 a 15. Questo, forse, per anticipare la chiusura del gioco che rappresenta l’ultima delle tre prove previste dal torneo. Le prime due, infatti, sono di abilità equestre. Il Dirigente della Questura di Roma, alla nostra richiesta di confermare tale indiscrezione, non ha però  rilasciato dichiarazioni.

Ad esultare, nonostante la “blindatura” e lo stesso svolgimento del rodeo, sono ora gli animalisti. “Tolfa era blindata e il pubblico sembrava essere di meno” , riferisce il presidente del PAE Stefano Fuccelli a GeaPress. Quello che però  fa gioire di più le file animaliste è la rilevanza mediatica avuta dall’azione che anche oggi ha confermato un buona presenza di manifestanti (circa una settantina). “Tutti i giornali hanno parlato del Rodeo – aggiunge Fuccelli – ed a parte uno locale, tutti gli organi di informazione hanno dato il giusto risalto alla vicenda. La sensibilità delle persone è scontata – conclude Fuccelli – stop a palii, corse ed a tutte quelle manifestazioni che prevedono l’uso degli animali“.

Si vedrà, ora, come andrà il rientro in città. Lanciato l’ultimo coro intorno alle 19.40, gli animalisti si stanno dirigendo verso i pullman. Nella scorsa edizione di luglio, un misterioso blocco probabilmente portato avanti da alcuni facinorosi, aveva fatto ritardare il rientro nonostante la corposa scorta della polizia.

Gli animalisti avevano chiesto che il gioco del vitello non si svolgesse. Forse poteva essere un buon compromesso, ed invece ancora una volta, gli slogan animalisti hanno echeggiato.

AGGIORNAMENTO: alla fine della manifestazione si sono registrati alcuni problemi a seguito di una protesta inscenata dagli animalisti forse a seguito del passaggio dei camion con i vitelli. I manifestanti si sono sdraiati in terra gridando cori di protesta. Transenne divelte e muro contro muro con le Forze dell’Ordine. Una persona , tra le file degli affezionati al rodeo, ha chiesto l’intervento di un’ambulanza.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati