corrida
GEAPRESS – Tempo di bilanci, come quello dell’Unione Europea  2014, ieri approvato a Strasburgo. In primo piano l’insuccesso della richiesta di non finanziare l’allevamento di tori per la corrida. Come è noto, una formazione politica catalana, aveva scoperto il finanziamento di numerose decine di milioni di euro prelevato dai Fondi agricoli della UE. L’Europa ha ora deciso: si continuerà a finanziare.  Ne da  notizia l’Eurodeputato Andrea Zanoni, da sempre sensibile alle tematiche di protezione animale e dell’ambiente.

Da Strasburgo non arrivano comunque tutte notizie negative. L’On.le Zanoni giudica positivo la destinazione di fondi  per l’occupazione e gli aiuti internazionali. Bene anche l’emendamento che chiede ancora una volta la sede unica del Parlamento a Bruxelles che consentirebbe di risparmiare “euro a palate“, riferisce Zanoni.

Il finanaziamento per gli allevamenti di tori è di circa 129 milioni di euro. I fondi sono incorporati nei capitoli di spesa sulla politica agricola comune. “Già il fatto che l’Europa contribuisca a questa tortura è inaccettabile – ha dichiarato l’On.le Zanoni –  ma che questo avvenga con i soldi dei contribuenti europei in piena crisi economica non è proprio accettabile”, aggiunge l’eurodeputato.

Una nota di rammarico anche per il continuo finanziamento alla coltura del tabacco, segno tangibile della potenza delle lobby della sigaretta in Europa. “In questo modo la maggioranza degli eurodeputati si sono mostrati succubi di questi interessi e in controtendenza con l’impronta no smoking dell’intera Ue”, conclude Zanoni.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati