toro medinaceli
GEAPRESS – Nuovo successo degli animalisti spagnoli i quali, con un’azione eclatante, sono riusciti a portare alla ribalta la festa del Toro de Júbilo , che ogni anno si svolge a Medinaceli, nella comunità autonoma di Castiglia e León.

Una piccolo paese con  meno di 1000 abitanti in una zona “remota” (come dicono gli animalisti) della Spagna.

Ogni anno, come da tradizione, un grosso toro viene legato ad un ceppo e le sue corna vengono avvolte da due matasse impregnante di una sostanza infiammabile. Da quel momento in poi inizia la festa che, secondo i sostenitori, non comporterebbe maltrattamenti al toro con le fiamme …

Non sono dello stesso parere gli animalisti i quali, proprio mentre si stava montando il cappo, hanno fatto irruzione nella piazza inutilmente inseguiti dagli Agenti della Guardia Civil. Una cinquantina di manifestanti che al grido “tortura non  è cultura” si sono disposti attorno al ceppo scandendo slogan in difesa della povero torno. Alcuni di loro si sono addirittura allucchettati ma le cesoie della Guardia Civil hanno dovuto attendere l’arrivo di rinforzi con Agenti in tenuta antisommossa.

Per oltre un’ora la piazza di Medinaceli è stata così scenario di un evento che entra nella storia delle manifestazioni animaliste.

Dopo non poche difficoltà gli Agenti sono risuciti a sloggiare i manifestanti. Alcuni di loro sono stati accusati per avere disturbato l’ordine pubblico. Altri sono dovuti ricorrere alle cure dei sanitari. Per fortuna, le barriere che impediscono al pubblico di avvicinarsi al toro terrorizzato, hanno costituito un solido spartiacque con gli animalisti. Gli animi, ovviamente, si erano surriscaldati.

Di certo chi ha portato a compimento la clamorosa azione, doveva averla programmata con molta attenzione. Non era affatto semplice raggiungere il centro il piazza.

Dopo un’ora  di ritardo rispetto all’orario prefissato per la festa, è stato infine fatto entrare il toro (… non maltrattato …) al quale sono state infiammate le corna.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati