GEAPRESS – La Spagna si conferma terra di sanguinarie tradizioni. Il “sacrificio” odierno si consuma nel piccolo Comune di Tordesillas, situato nella comunità autonoma di Castiglia e Leòn. La gara del “Toro de la vega”, in occasione della festa del Santo Patrono, Virgen de la pena, aveva da tempo una vittima predestinata: Volante. Stamattina, davanti agli occhi della folla divertita, la penosa morte del toro, dopo circa venti minuti di interminabile agonia.

Le proteste degli animalisti duravano da mesi. Diverse iniziative, come petizioni da firmare, pur di salvare Volante da ciò che l’aspettava: dolorosissime ferite, morte atroce, continue umiliazioni. Non è servito a nulla: Volante è stato ucciso nel peggiore dei modi, come i suoi illustri predecessori. Lo scorso anno, era toccato ad Afligido, letteralmente “afflitto”, un toro di più di seicento chili, anch’esso inseguito e torturato dai lancieri per più di trenta minuti, fino alla morte.

La gara, in breve, tratta della solita lotta impari fra il Toro, illuso di poter fuggire da qualche parte, ed i numerosi, spietati esecutori, pronti ad inseguirlo e trafiggerlo dappertutto, con lance lunghe fino a tre metri. Colui che sferra il colpo di grazia, mozzerà anche coda e testicoli dell’animale, per poi esibirli in parata, impalati sulla cima della propria lancia. Il vincitore avrà diritto ad una lancia d’oro, offerta dal Municipio.

La notizia dell’assassinio di Volante è stata riportata, da qualche ora, da Igualdad Animal, organizzazione spagnola per i diritti animali.

L’ auspicio degli animalisti è quello di porre fine a mattanze del genere, avallate dalle autorità locali e, a volte, persino ritenute di interesse culturale. Si tratta di tradizioni che, ai giorni nostri, dovrebbero essere abbandonate. In molti le giudicano incivili e crudeli. Amareggiano i gesti degli aguzzini, compiuti con naturalezza e fierezza, dinanzi ai propri figli, quasi a considerare la violenza e la prevaricazione dei valori da dover tramandare.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati