GEAPRESS – Si fa a dir poco rovente la polemica tra il Sottosegretario alla Salute Francesca Martini ed il Sindaco di Ronciglione (VT) Massimo Sangiorgi. Il tutto nasce dopo che lunedì scorso Sangiorgi è stato convocato dal PM della Procura della Repubblica di Viterbo dott. Stefano D’Arma, a seguito della morte della cavalla Tiffany (vedi video – attenzione immagini forti) occorsa nel palio dello scorso 15 marzo.

In particolare, secondo quanto riportato dal quotidiano Tusciaweb, il Sindaco di Ronciglione avrebbe dichiarato che nel corso della “tranquilla chiaccherata” con il PM, la responsabilità per quanto successo andrebbe ricercata nelle modifiche del percorso apportate dai tecnici dell’UNIRE. Sarebbe stato il restringimento imposto a causare la morte della cavalla ed il Sindaco avrebbe agito solo secondo la deroga concessa.

Passano poche ore  arriva la replica infuocata della Martini. Secondo il Sottosegretario non corrisponde al vero che sarebbero state eseguite delle prescrizioni nell’ambito dell’Ordinanza ministeriale, ovvero quelle imputate dal Sindaco ai tecnici dell’UNIRE. Non solo, sempre secondo la Martini il Sindaco sta attuando un “giochino” vergognoso per scaricare le sue responsabilità proprio sui tecnici. Viceversa sarebbero confermate le gravi inadempienze così come documentato, dice sempre la Martini, dagli inquirenti.

Il Sindaco di Ronciglione, assieme al Presidente della Pro loco, risulta indagato per il reato di maltrattamento di animali, mentre un tecnico comunale ed il Vicecomandante della Polizia Municipale sono stati accusati del reato di false dichiarazioni proprio in merito alla planimetria del percorso (vedi articolo GeaPress). (GEAPRESS – Riproduzione vietata senza citare la fonte).

VEDI VIDEO (ATTENZIONE IMMAGINI FORTI):