falconeria
GEAPRESS – Protesta di Veg in Campania per la presenza degli spettacoli di falconeria in occasione della Fiera del Crocificco Ritrovato a Salerno

Nonostante la recente stesura di un nuovo Regolamento di Tutela degli Animali – riferisce la nota di Veg in Campania – che sembrava avere rappresentato un segnale di  maggiore sensibilità della classe politica locale rispetto a queste tematiche, è ormai dal 2011, che chiedono all’amministrazione comunale, ed in particolare all’assessore alle Attività Produttive del Comune di Salerno, Franco Picarone, di non concedere più né l’autorizzazione, né il patrocinio a questo genere di eventi”.

Secondo gli animalisti, infatti, non avrebbero nulla di culturale.

La falconeria rappresenta l’ennesimo esempio di dominazione sugli altri. Questa pratica prevede di tenere prigionieri animali selvatici, nati liberi o fatti nascere di proposito in cattività, per trasformarli in macchine efficientissime, pronte a obbedire ai comandi del ‘padrone’. Ai bambini deve essere insegnato il rispetto per gli animali e non la prevaricazione verso chi non si può difendere. La spettacolarizzazione della vita animale è sbagliata a priori ed in qualsiasi contesto

Ma, anche se la falconeria avesse fini puramente dimostrativi – hanno concluso gli animalisti – i metodi di addestramento restano sempre coercitivi. Vogliamo spezzare le catene, rappresentate da quei lacci alle zampe dei rapaci“.

Gli attivisti si rivolgono non solo all’amministrazione comunale, ma anche agli spettatori, perché chiunque ritenga di avere un minimo di rispetto per gli animali dovrebbe disertare questo genere di manifestazioni.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati