GEAPRESS – Tutto segnalato alla Task Force per il benessere animale del Ministero della Salute. Alla prossima Quintana di Ascoli, secondo Italian Horse Protection, potrebbe partecipare un fantino con una condanna quantomeno inopportuna per una competizione equestre. Doping, così come è stato sancito dalla sentenza del processo di primo grado intentato ai danni di numerosi partecipi della Quintana di Foligno.

Secondo Italian Horse Protection la partecipazione di questa persona non solo sarebbe inaccettabile dal punto di vista morale ma anche illegale dal momento in cui violerebbe l’articolo 2, comma 2 dell’Ordinanza Ministeriale del 21/7/2011. Una situazione ancor più grave, sempre secondo IHP dal momento in cui la RAI manderà in onda, il prossimo cinque giugno, la diretta della corsa.

La richiesta rivolta al Ministero è, pertanto, quella di far conoscere in tempi brevi le misure da adottare per impedire al fantino in questione di partecipare non solo alla Quintana di Ascoli ma anche ad altri palii, così come prevede la stessa Ordinanza che contiene, tra l’altro, specifiche sanzioni anche per gli organizzatori.

Nel corso della Quintana di Ascoli, i cavalieri devono centrare un saraceno posto a bersaglio di una lunga asta.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati