pamplona 2
GEAPRESS – Intervento del Sindaco di Pamplona, città spagnola sede della famosa corsa dei tori, dopo le clamorose manifestazioni animaliste dei giorni scorsi. Joseba Asirón, questo il nome del Sindaco, intervistato dai giornali sul futuro del festa di San Fermin avrebbe riferito, a proposito delle polemiche sulla sofferenza dei tori, dell’esigenza di una discussione che “prima o poi si dovrà mettere sul tavolo”.

Soddisfazione per le dichiarazioni del Sindaco è stata espressa da PETA anche se in effetti non si è trattato di una presa di posizione avversa alla presenza degli animali. Un passo avanti, comunque, ancorchè proveniente dal Sindaco ed alla luce delle animosità che tali discussioni riescono a generare. La festa, ha rifertito il Sindaco, va cambiando di generazione in generazione e questo va sempre nella direzione dell’apertura di un dibattito. I tempi, però, potrebbero essere lunghi

Secondo PETA quanto riferito dal Sindaco si abbina ad una sensibilità sempre più crescente nella popolazione spagnola; anzi rappresenterebbe la maggioranza di essa.

Nei giorni scorsi decine di attivisti seminudi provenienti da diverse parti del mondo si erano cosparsi con 135 litri di finto sangue.  Il grido era quello di abolire subito tutte le manifestazione che, in Spagna, vedono la presenza di tori. Tali manifestazioni non erano state giudicate negativamente dal Sindaco di Pamplona.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati