protesta corrida
GEAPRESS – In difesa dei manifestanti di Rion des Landes è ora intervenuta Brigitte Bardot.

A nome della Fondazione riportante il suo nome, la Bardot ha duramente condannato quanto avvenuto sabato nella cittadina francese nel corso della locale corrida. All’invasione dell’arena ha fatto seguito l’intervento della polizia e le accuse (ricambiate) rivolte agli affezionati della manifestazione. Un’aggressione brutale e feroce, ha riferito Brigitte Bardot.

Se la tortura alla quale sono sottoposti i tori – ha riferito il portavoce della Fondazione – è tollerata in alcune regioni, è perchè questo avviene in nome di una tradizione obsoleta, ridicola, indecente e sadica. Il diritto in una democrazia di esprimere pacificamente l’opposizione – ha aggiunto Brigitte Bardot –  deve essere legalmente rispettato “.

La corridia,  era stata interrotta da una cinquantina di animalisti nel corso della manifestazione promossa da CRAC Europe (Comité  Radicalment Anti Corrida) che ha diffuso le immagini. Gli animalisti  aveva acquistato il biglietto per potere entrare nell’arena. Poi, l’irruzione del campo e le accuse di aggressioni che da ambo le parti (animalisti e fans della manifestazione taurina) sono iniziate a fioccare.

La polizia è quasi subito intervenuta ed ha iniziato a spostare i manifestanti, che nel frattempo avevano fatto cerchio, al di fuori dell’arena. Un po’ ridicola la musichetta che qualcuno ha inteso diffondere nel corso della manifestazione forse per coprire gli slogan animalisti. I manifestanti si erano stretti fra loro, e dopo un primo tentativo di trasportarli via uno ad uno, gli agenti sono ricorsi agli spray urticanti. Poi, nei filmati diffusi da CRAC, si vedono i poliziotti sistemare alcuni manifestanti al di sopra di un grosso mezzo. Il risultato è stato di otto manifestanti feriti tra cui uno molto grave. Ricoverato in stato di coma ha per fortuna ripreso conoscenza nella giornata di ieri.

Secondo la polizia, i manifestanti non avrebbero ascoltato gli inviti a lasciare il campo. L’accusa agli animalisti è di  essersi ribellati all’ordine.

Forse,  a non credere a tale versione, è la stessa Bardot che ha annunciato di volere presentare una denuncia, sempre a nome della Fondazione, volendo così assicurare alla giustizia chi ha ferito i manifestanti. Da chiarire chi ha messo in atto la presunta aggressione. Polizia o manifestanti, la Fondazione Brigitte Bardot ha annunciato di non volersi fermare.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati

VEDI VIDEO: