GEAPRESS – “Mi sono sentito improvvisamente abbracciare, era il Sindaco di Bassiano che mi assicurava sulla corsa” dice a GeaPress Enrico Rizzi, Coordinatore Nazionale del PAE (nella foto al momento dell’abbraccio con il Sindaco). Ed invece, istanti dopo, la corsa dei maiali di Bassiano (LT) si è fatta alla solita maniera.

Non poteva che finire con una coda di polemiche la corsa dei maiali di Bassiano (LT). Ora, pure l’annuncio della denuncia presentata dal Partita Animalista Europeo, contro il Sindaco Costantino Cacciotti. Non avrebbe ottemperato, secondo il PAE, all’ Ordinanza del Prefetto di Latina che aveva stabilito come “… le nuove modalità [della corsa] prevedono che gli animali correranno in braccio ai loro custodi, evitando ogni forma di maltrattamento…”. Ed invece i maiali hanno corso tenuti per i guinzagli, segno, questo, che la decisione presa da qualcuno non era forse così estemporanea.

A mostrare per primo i mailaini in corsa tra ali di folla concitata, è stato un servizio dell’inviata del TG1 Roberta Badaloni (vedi servizio). Urla, incitazioni ed i grugniti dei poveri animali. Ora arriva pure il video del PAE (vedi in calce all’articolo).

Una vicenda quasi surreale, dal momento in cui, lungo il percorso della corsa, il Sindaco di Bassiano ha più volte assicurato Enrico Rizzi e Stefano Fuccelli, rispettivamente Coordinatore Nazionale e Presidente del PAE, che i maialini non avrebbero toccato terra.

E dire che i due esponenti erano stati accolti alle porte del paese da una trentina di abitanti di Bassiano, contrari alla corsa. Più o meno contemporaneamente, ma dalla parte opposta del piccolo centro abitato, giungeva il camion con i maiali. In pratica, lungo il percorso ove i due esponenti hanno ricevuto non pochi improperi da parte della folla, venivano fatti avvicinare i due contendenti. Da un lato i detentori dei maiali e dall’altro i due esponenti del PAE scortati da una nutrita presenza di Polizia. Poi, all’incontro dei due gruppetti, avvenuto nel punto di partenza della gara, i quattro maialini sono stati posti in terra e lanciati nella corsa.

A questo punto il Sindaco si è volatilizzato – dice Enrico Rizzi a GeaPress – non l’ho più visto. Prima mi ha abbracciato per rassicurarmi, poi è scomparso“.

Alla fine, però, la corsa si è fatta, anche se Rizzi non si perde d’animo. Annuncia, come già successo per l’oca di Butera (vedi articolo GeaPress) che anche questa manifestazione resterà solo nei ricordi.

A pensarla così non sono, ovviamente, molti abitanti di Bassiano, che della corsa dei maiali ne hanno fatto un ricorrenza annuale, anche se non molto storica. Appena 44 edizioni, tutte, comunque, inserite in un contesto che per alcuni deve risultare, forse, pertinente. La sagra del prosciutto. Una delle mille feste con uso di animali che resistono ancora ai tempi, dice Rizzi. Finiranno tutte. Per lui è un fatto di civiltà. Siamo nel 2011, ripete ai giornalisti presenti, non più nel medioevo.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati

VEDI VIDEO PAE: