cavallo morto II
GEAPRESS – Non è chiaro dove e quando il fatto sia avvenuto ma l’esposto presentato da Italian Horse Protection fa riferimento ad un episodio riportato in maniera molto circostanziata.

Il tutto deriva da una segnalazione anonima secondo la quale un cavallo, nel corso di una sessione di “lavoro alla corda o longia” sarebbe rovinosamente caduto a terra forse per l’improprio uso delle due longie (o corde).

Il cavallo sarebbe rimasto a terra inerme, impossibilitato a rialzarsi e  successivamente rimesso in piedi grazie all’intervento di uomini di scuderia, cavalieri, tecnici e utenti del circolo ippico. Poche ore dopo, nel suo box, sarebbe morto tra dolori e spasmi. Dubbi vengono inoltre espressi sull’effettiva visita di un veterinario.

Tutto da verificare alla luce dell’esposto presentato alla Magistratura, ma IHP, nel frattempo, ha chiesto alle autorità competenti  l’accertamento delle segnalazioni ricevute, in attesa di conoscere l’esito dell’autopsia eseguita dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale Lazio e Toscana.

Parrebbe che l’esame autoptico abbia confermato qualcosa di strano successo quel giorno. Il cavallo, cioè, parrebbe aver  riportato la frattura scomposta della 4° e della 5° vertebra cervicale.

Perché, si chiede ora IHP sulla base di alcune segnalazioni, il cavallo sarebbe stato fatto rialzare a forza, sospinto nel box e lasciato lì per tre ore e mezza? IHP riporta a tal proposito il contenuto di una telefonata che sarebbe stata fatta arrivare alla proprietaria. Stante quanto riferito da IHP all’oggetto vi sarebbe stato “una leggera colica …”.

Ci capita spesso – riporta IHP – di ricevere segnalazioni relative a pratiche addestrative violente e caratterizzate da inammissibile sottomissione del cavallo, che consistono nel gettarlo a terra forzatamente attraverso l’uso combinato delle due longie”.  Tali pratiche, sempre secondo IHP metterebbero a rischio la salute, il benessere e la vita dell’animale, oltre che contrarie ai principi della FISE, del CONI e della FEI relativamente alla gestione del cavallo.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati