GEAPRESS – Il circo Orfei che nel Natale 2008 attendò a Como non sfuggì all’ attenzione dei volontari della LAV cittadina. A Como nevicava ed i camion-gabbia del circo non risultarono essere riscaldati. Poi gli spazi angusti e tanto altro. Neve pure sull’ippopotamo il quale, in genere, ha a che fare con l’acqua liquida, magari di latitudini equatoriali o tropicali. Tutto contrastante con le Linee Guida rilasciate dal Ministero dell’Ambiente sul corretto mantenimento degli animali nei circhi. Quanto denunciato dalla LAV di Como, seguita dall’Avvocato Davide Pivi, fa ora parte del Decreto Penale di Condanna che l’Ufficio del GIP del Tribunale cittadino ha emesso nei confronti del legale rappresentante del circo Miranda Orfei. Se quest’ultimo dovesse accettare, il circo dovrebbe pagare una somma di 3800 euro. Viceversa si andrà al processo.

Nel circo vennero rinvenuti anche cani e struzzi, questi ultimi cavalcati durante lo spettacolo ed a quanto pare per questo riscontrati con ferite cutanee. Nel Decreto Penale di Condanna è altresì richiamato il fatto che gli animali venissero sottoposti a lavori insopportabili per le loro caratteristiche etologiche. Fattispecie di reato di cui all’art. 544 ter del Codice Penale.

La LAV di Como annuncia inoltre che inizierà a breve una raccolta di firme per chiedere al Sindaco della città di vietare l’arrivo del circo con animali. Tale speranza, però, si potrà tradurre in una regolamentazione locale del circo con animali, come già avvenuto a Modena ed in altre città, tra cui Roma. Purtroppo la proposta di legge che in origine prevedeva la possibilità del divieto totale in singole città, è stata di fatto annullata dalla VII Commissione Cultura della Camera dei Deputati.

Una volta inglobata nel Testo Unico sullo Spettacolo dal Vivo firmato dall’On.le Gabriella Carlucci (che annovera anche una proposta per la riduzione dell’IVA sulle carni e altre parti di bovini e suini), è stata di fatto estinta.

Lo stesso Comitato ristretto della Commissione cancellò anche l’effimero riferimento all’ultimo piccolo baluardo per un circo senza animali, consistente nella sola previsione di, non specificate, agevolazioni fiscali. Sono invece rimaste, addirittura elencate, tutte le agevolazioni, anche fiscali, per il circo con animali (vedi articolo GeaPress).

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati