GEAPRESS – Ci risiamo. Il Comune di Roma riprende con lo sgombero dei campi rom. Questa volta è quello della cosiddetta collina Alitalia, in via Alessandro Marchetti, nella periferia ovest della capitale. Le ruspe, fin dalle prime ore dell’alba di ieri, hanno iniziato a buttare tutto giù. Polvere e macerie, ammonticchiate e spostate. Poi un gatto esce dai cumuli. Sono gli adulti. I micietti, invece, sono stati pietosamente recuperati da chi incaricato allo sgombero dei rom. Sette gattini, disposti in una cesta. Ci sono i Vigili, ed è una fortuna. Valentina Malatesta, lavora lì vicino. In pausa pranzo raggiunge il posto. L’Ufficio Diritti Animali non era stato purtroppo informato dello sgombero ma i due funzionari si mettono a disposizione di Valentina ed assicurano l’intervento delle ditta privata a cui è affidato il prelievo.

“Ma non è possibile concertare prima questi interventi?” chiede ora Valentina.

Anche i Vigili, del resto, stanno aspettando la ditta, che infine arriva. Nel frattempo, però, le ruspe continuano la loro opera e lì in mezzo ci sono ancora i gatti adulti ed un cane. E’ un cane di piccola taglia. Arriva un’altra volontaria e insieme cercano di avvicinarlo con le buone. Infine, arriva la ditta privata degli accalappiatori. Niente da fare; nasce uno screzio. Loro, il cane, lo devono anestetizzare. I Vigili cercano di calmare gli animi, infine parte la … cerbottana, ed il cagnetto viene giù. Poi dovrebbero andar via anche i gatti, ma le due volontarie non vogliono che finiscano nella struttura della Muratella.

Un Vigile ha un micetto per le mani. Loro sono stati sempre cordiali con le due volontarie. L’agente, infine, assicura che i gatti li porteranno in un piccolo rifugio.

Vedremo – dice Valentina Malatesta a GeaPress – andrò a verificare. Ma ai gatti adulti chi ci pensa ora?”

Stamani le ruspe sono tornate e stanno ancora lavorando. Polvere, macerie e gatti. Valentina lancia l’appello ai volontari che già si sono interessati agli animali dei campi rom precedentemente sgomberati. Abbiamo già fatto da tramite, ed a breve si metteranno in contatto.

Sulla vicenda interviene Valentina Coppola, Presidente di Codici Ambiente, l’Associazione aderente a “CODICI”, Centro per i Diritti del Cittadino. Una situazione grave, quella creata ieri, che vede spaesati cani e gatti abbandonati nei luoghi. Animali, per altro, non sterilizzati, che ora andranno ad ingrossare le fila del randagismo romano.

La situazione è decisamente insostenibile – ha riferito Valentina Coppola – Non è possibile che la mano destra non sappia cosa fa la mano sinistra. Era nota la presenza di animali nel campo di Collina Alitalia, quindi è inammissibile che non siano stati avvisati Asl e Ufficio per i Diritti degli Animali del Comune di Roma“.

Deficienze, o menefreghismo, comunque ricorrente, visto che quello dei cani e gatti abbandonati nei campi rom sgomberati dal Comune di Roma, è ormai una prassi (vedi lo speciale GeaPress “CAMPAGNA ROMANA” e l’ appello da inviare alle autorità romane).

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati