ippo
GEAPRESS – Condanna dell’ONG Born Free nei confronti dello Zambia cha ha programmato l’uccisione di 2000 ippopotami per i prossimi cinque anni. L’area di intervento dei cacciatori dovrebbe essere quella del Luangwa River Valley, una zona molto nota per le sue bellezze naturali.

Secondo quanto riportato dal Dipartimento dello Zambia dei Parchi Nazionali e Fauna Selvatica (DNPW) l’intervento dovrebbe prevenire la diffusione dell’antrace tra gli animali selvatici. Secondo alcuni, però, dietro questo progetto potrebbe celarsi il commercio di trofei. I cacciatori, infatti, dovrebbero provenire anche dai paesi esteri.

Secondo Will Travers, presidente co-fondatore di Born Free, “ci sono molte domande da porsi su una attività da definire ripugnante. Domande alle quali si dovrebbe rispondere chiedendosi a sua volta se trattasi di abbattimenti o caccia per i trofei. Quale logica scientifica vi è dietro l’uccisione di 2.000 ippopotami? È forse l’abbattimento un modo efficace per affrontare la diffusione dell’ antrace? Esiste veramente un problema di sovrappopolazione per gli ippopotami dell’area di Luangwa?

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati