trappole
GEAPRESS – Sorpreso mentre posizionava cavi in acciaio per la cattura di ungulati, come cervi e cinghiali.  Nel corso della perquisizione presso un locale rurale, è stata invece trovata una gabbia artigianale pronta per la catturare di cinghiali vivi. Al suo interno erano stati disposte irresistibili mandorle.

Il tutto è avvenuto nell’Oasi permanente e di protezione faunistica in località Sa Moddittzi nel Comune di Villaputzu dove il Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale della Regione Sardegna ha colto in flagranza di reato un bracconiere del posto.

I controlli, sono poi proseguiti presso l’abitazione, dove è stata rinvenuta una balestra con 13 dardi, 23 tagliole di diverse grandezze, 12 reti per uccellagione e altri lacci per i cinghiali.

Il soggetto ora denunciato risulta titolare di porto di fucile per uso caccia. La denuncia è quella di esercizio di caccia con mezzi ed in zona non consentita e per detenzione attrezzi per la cattura illegale di selvaggina.

Tutto il materiale è stato posto sotto sequestro .

L’operazione condotta dalla stazione Forestale di Muravera si inquadra nell’attività istituzionale coordinata dal Servizio ispettorato di Cagliari del Corpo Forestale che ha intensificato i controlli del territorio in occasione della apertura della stagione venatoria .
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati