nascondiglio specie protette
GEAPRESS – Nuovo intervento antibracconaggio della Polizia Provinciale di Vicenza, intervenuta questa volta nelle campagne del Basso Vicentino.

Una pattuglia ha  denunciato in poche ore due persone accusate di avere violato la legge sulla caccia. Un fenomeno non nuovo e del quale, fino alla giornata di ieri, se ne è avuta notizia con la denuncia, operata sempre dalla Polizia Provinciale di Vicenza,  di un altro cacciatore trovato in possesso di centinaia di uccelli spiumati (vedi articolo GeaPress ).

Nel nuovo intervento avvenuto nel basso vicentino è stato individuato un cacciatore il quale, secondo la Polizia Provinciale, sarebbe stato trovato intento ad abbattere specie particolarmente protette. Per tale scopo veniva utilizzata una cavità di una vecchia pianta di fronte all’appostamento di caccia. Nel tronco, infatti, era ricavato una sorta di nascondiglio  per quello che, grazie all’intervento della Polizia Provinciale, è divenuto il corpo di reato. Proprio in quell’incavo sono stati trovati gli uccelli abbattuti. Si trattava di due pispole, altrettante allodole ed un culbianco.

Il richiamo acustico invece, con il canto delle pispole, era nascosto in cima ad un’altra pianta e veniva acceso con un telecomando.

Il secondo cacciatore è stato sorpreso a pochi metri di distanza. Secondo la Polizia Provinciale andava a caccia di allodole con il richiamo acustico. In quest’ultimo caso il fono fill era nascosto a terra ed era ricoperto con delle stoppie.

Non sono in pochi che in questi giorni si stanno chiedendo quale futuro verrà riservato alla Polizia Provinciale, alla luce del progetto di riforma voluto dal Governo che non ha, però, ancora chiarito il destino del personale e, ancor di più, delle attività preposte. Tra queste proprio la repressione dei reati di bracconaggio e di maltrattamento di animali. Proprio per questo motivo l’AIPA (Associazione Italiana Polizia Ambientale) ha attivato una  PETIZIONE volta a favorire la creazione di una Polizia Ambientale nata dalla fusione con  il Corpo Forestale dello Stato.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati