spiumato cartuccia
GEAPRESS – Non più di trenta unità dopo i “tagli romani”. Così la Polizia Provinciale di Vicenza giudica l’attuale stato del Corpo che non ha, però, alcuna voglia di smettere di controllare il territorio.

Il commento fa seguito all’ultimo intervento antibracconaggio che ha portato a scoprire un uomo che sparava dal “salotto” di casa. Una cosa, commentano gli stessi inquirenti, che non si era mai vista. Forse non letteralmente “salotto” ma il sistema messo in piedi da un cittadino di Sovizzo, è di quelli per cui non serve camminare e spostarsi dalla propria abitazione.

A finire sotto sequestro due fucili monocanna dotati di silenziatore, cartucce, un richiamo acustico artigianale completo di telecomando, un richiamo acustico artigianale munito di batteria 12 volt, un telecomando, quindici cartucce calibro 36, quattro cartucce calibro 28 già esplose, 434 cartucce calibro 36 e 29 calibro 28 cariche, un tordo bottaccio ormai morto, nove tordi bottacci spiumati, quattro pispole spiumate, un fanello spiumato, due fringuelli spiumati oltre a quindici pispole, un fringuello, un migliarino di palude, tutti con piume.

Le violazioni contestate vanno dall’utilizzo di armi munite di silenziatore, detenzione di specie protette e particolarmente protette, uso di richiami vietati.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati